BENVENUTO sul Forum!
Effettua la registrazione per condividere le tue riflessioni con gli altri utenti.
(Ti ricordo di cliccare sul link di conferma che ti arriverà nella mail di avvenuta registrazione).
Ti aspetto!
 
IndiceFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 IN VIAGGIO

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1 ... 16 ... 28, 29, 30, 31, 32, 33  Seguente
AutoreMessaggio
michael@santhers




MessaggioTitolo: LA MIA TERRA   Ven Lug 06, 2012 4:45 am

E’il posto dove il latte grazie agli additivi
supera il peso delle vacche,
gli autisti il numero dei pullman
i generali quello dei soldati
le diserzioni al lavoro gli statali
e i camini fumanti gli abitanti

Un luogo ove le cagne adottano maiali
i politici questue promesse
i preti certezze consumate
la televisione il silenzio macero
i vecchi sciagure da masticare
i mercanti gli spergiuri

Barcollanti asini spelacchiati
bastonati dal progresso
azzannati dal passato
conciati dai ricordi,
ragli al vento il lascito
vetri al cervello udirli
lacerante all'anima ignorarli

Piloti di trattori,invidie di clown
bombardano con diserbanti
pigre campagne omertose a stermini
e lebbrose si fasciano di silenzi
ogni tanto spezzati da corvi gracchianti
felici in volo con aureole
incorniciano carogne,letto di mosche
esequie di dita,pinza ai nasi
mire forfettarie di salive

Spari di feste patronali
omaggiati a Santi ma in segreti intenti
ogni botto indirizzato a decimare
un cuore mirante a spartizioni
di miracoli pregati a offerte

Funerei stendardi ammuffiti
ostentati da sacrestani da salotto
fasce tricolori,panciere al satollo
marce di dominio,timbri a sentenze
autorità marchiano rivali
-----------------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: SIAMO   Mer Lug 04, 2012 3:02 am

Siamo pietre in mezzo ai muri
sui quali altri appendono spaventosi quadri
che non capiscono ma qualcuno
ha stabilito che il loro prezzo salirà

Siamo consumatori consumati
denti piccoli di un mercato mai chiuso
stritolati da mostruose fauci
di poteri occulti

Le macchine che dovevano aiutare
hanno tolto lavoro a tanti
e sovraccaricato ai pochi

Tutti quelli che hanno subito guerre
smettono religioni e randagi a lumi
pregano se stessi
affinché il coraggio duri
e i ricordi si dileguino

Siamo pesci al bivio tra esca
e secca al fiume
cotti al sole o in padella
e l’ultima nuvola speranza
dissolta al mare

E' società civile,ricordano imbonitori
in propagande elettorali,
agli invalidi dignità assoluta
e nei canili ampie cucce climatizzate
poi ignorano chi in buona salute
offre un rene per campare
o vende un figlio da usare a ricambi
-----------------------------------------
Da:Soste Precarie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: OMBRELLONI   Gio Giu 21, 2012 3:43 am

Zotiche mogli declassate
da intonaco trucco,
stordite dalla calura
sbraitano al baro destino
-A fianco mariti
posturati a ippopotami
o a cani da pagliaio dimesso
sotto giornali a tegola
guerci osservano donne avvenenti
che al recepire di sbavo
lustrano copioni millenari

Soliti giochi di gruppi
a cuocere sterili idee
e l’ennesima canzone pappagallo
a uniformare sfiati a labbra

Fuori da ogni libro
una fisica di stolti,
coriandoli,ombrelloni
scalciati dalla sabbia
e oppressi dal sole
sospesi su teste pomatate
fotocopiate da giornali

Qualche bimbo accaldato
con dito in bocca a termometro
a ricordare al padre rosolato
l’ora di pranzo

Sfrecciano rondini
cantano malinconiche,
i loro insetti,satolli dormono
sui cocomeri e gelati caduti
insabbiati a cotoletta
------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: IL SOLE   Sab Giu 02, 2012 6:32 am

Vecchio braciere
arroventi pelate
fai vendere climatizzatori
abbronzi statali disertanti al lavoro
rendi violacei capelli laccati
di donne creole schiave di specchi
trasformi in aghi di bussola
l’ombra di code degli asini
e in fili d’argento bave di vecchi

Vecchia palla infuocata
giochi con tremori di ossa
e sudore d’operai sale agli occhi
-colori di giallo fili d’erba e anime pallide
e le secchi a provviste di fauci e dolori

Vecchia medaglia in eterna tempra
da un lato la vita,dall’altro la morte
ti offri trofeo e nessuno vince
alle stagioni ti sposti
e col denaro gradassi ti seguono

Vecchia illusione
ogni giorno muori e rinasci
seppellito e riesumato nei volti
fin quando non hanno più carni
a coprire fossi sbarrati da rughe
--------------------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: CANTI GREGORIANI   Sab Mag 26, 2012 4:37 am

Gole roventi nei conventi
tra arcate e labirinti
commutano fustigazioni represse
subbugli devoti
in canti festanti

Voci levigano unti di supplizi
s’ammorbidiscono,vorticano alle navate
turbinano fronti sudate
si magnetizzano a grate
metallicche vibrano a fessure
fiato aleggiano al misticismo
curvano alle nicchie
risalgono,si sommano a cupole
echeggiano al silenzio perfetto

Atmosfere giocose e morenti
idilli e inferni roventi
macere in anime,elisir di pace
ove coscienze medite al tacito
cantano glorie supreme
seppelliscono peccati sconfitti

In angoli ai soffitti tele di ragni
letti di note rubate
di confessioni,sbrigate sbagliate
e ognuna ansimo zoppo di cuori

Armonie d’anime affine
vellutate carezzano icone
che al velluto d’unisoni suoni
ravvivano occhi e colori
sorridono al filo d’aria
ghigliottinato da bocche asciugate
guidate da implori d’inchini

Da lontano nei campi
s’odono melodie del tempo
imbrigliato nei rosari degli avi
raccolto in manoscritti incerati
custoditi da ossa incrociate
-------------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: EPITAFFIO-IL CORNUTO   Gio Mag 24, 2012 5:44 am

Inventando viaggi di lavoro
per anni tradii mia moglie
tranquilla come acqua al ristagno
e quando chiedeva traccia
del posto in cui ero stato
le facevo spedire una cartolina
dal mio amico commesso viaggiatore
che sereno mi reggeva il gioco
ed elogiava l'arguzia operata

Un giorno volubile del peggior marzo
fallì l’incontro con la mia amante
lunatica come il suddetto mese
e ritornai annoiato a casa
e grande fu la sorpresa
trovai la mia statica metà
a letto col mio amico viaggiatore

Il respiro congelò in gola
il cuore ,lepre tra cane e fucile
si paralizzò e il sangue gelò,
caddi secco a terra
come piombo che sfugge a gelide mani
di muratori in tetro inverno

Ora qui giaccio additato immorale
traditore e tradito,furbo deriso
sotto questa lapide ove la consorte
in rispetto al lungo allaccio degli avi
fece incidere l’albero genealogico
ma forse si servì d’un cattivo scultore,
i suoi rami suscitano ilarità
paiono a tutti
…..lunghe corna di vecchio cervo…
…….amen………………..
--------------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: TALE E QUALE   Lun Mag 14, 2012 2:37 am

Raramente un tempo i contadini
andavano dal fotografo
a chiedere una -tale e quale-
ovvero una foto
e quando costretti da legalità
si mettevano in posa
stravolti a tal punto
che non parevano se stessi,
stiracchiavano le ossa
rastrellavano con dita i capelli
sui volti a dirupi leviganti dal vento
muscoli e rughe,recinti a scoraggiare lupi
occhi da topi a fiuto di trappole
orecchie da lepri controvento
labbra a mura cannonate
allora il fotografo spesso anche
barbiere,cestaio,fabbro
cercava di riportarli umani
anche per non dover poi litigare
quando sulla carta s’imprimeva
un’immagine sconosciuta
-Era solito dire..
quest’anno non basteranno sacchi
al troppo grano,oppure ci sarà
più vino che acqua
-A tal sentire mollavano la recita
estasiati,trasognanti congedavano le vene
e un lampo a sorpresa li congelava
originali……tale e quale
---------------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: L'AVARO   Gio Mag 03, 2012 2:04 am

Era così avaro
e quando il governo
mise una tassa sulle case
chiese a una rondine
che aveva fatto il nido
sotto la sua grondaia
di contribuire alla spesa
altrimenti lo sfratto
e quando morì,
la stessa rondine
per compiacersi
si posò sulla lapide
e sentì una voce iraconda
chiedergli il prezzo
del parcheggio
-L’animale volò via
e sussurrò….
anche all’inferno
chiederà a qualche vicino
contributi al riscaldamento
------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: SHARIA   Ven Apr 06, 2012 5:40 am

Legge Islamica di Dio
prevede per i ladri
il taglio delle braccia
e lapidazione per l’adulterio
-In Italia non può essere applicata,
ve l’immaginate un paese
con sessanta milioni di monchi
o di lapidati?
-Meglio il cattolicesimo
con ostie,confessioni, concistori
sermoni,catechismi,cresime
avalla pasture e balzelli arzigogolati
tipo: incidente probatorio
patteggiamento,fermo domiciliare
buona condotta,incensurato,vizio di forma
decorrenza dei termini,
primo,secondo grado,cassazione
riesame,archiviazione,indulto
e tra intralci di Gip e Gup
imputati in crociera premio
-Tribunali,via di mezzo
tra agenzie turistiche
e mercato del pesce
-------------------------------------
Da:Poesie Cialtrone
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: MERCATO   Mer Mar 21, 2012 6:10 am

Piedi picchiano tastiere di cemento
scrivono parole incartate,prezzi
letti da portafogli e dita a molla
di conta biascicata

Colori,profumi
inebriano sensi
accendono cucine mentali

Tra fretta e blando
urla e domande
accelerano,frenano orologi
redarguiti da campane

Geografia d’orti
facce bandiera
lingue mitraglia
mimiche neve e sole

Affari e salassi
sorrisi e grugni,recite
via di mezzo,titolo

Volge a termine
pacifica battaglia
scarti a terra
cimeli di clochard
furti di gazze e passeri
---------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: *MARZO   Dom Mar 04, 2012 2:12 am

Il becco divora la coda
e l’inverno strilla
dolore e gioia dei superstiti
-Cade qua e là ancora neve al sole
per un velo trasparente alle curve
morbide tremanti della primavera
-Anime al valico del tempo
ali tra ieri e domani
mosse da sbuffi d'indecisi pensieri
e singhiozzianti vene capricciose
- Arcobaleni colorano occhiali d’aquile
ingrandimento di marmotte
timide bandiere al risveglio
effigi di pazienza e attesa
-Nuvole,dispute d’umori
a zonzo ribelli al vento maestro di presagi
giocano a ombre e luci su volti
bianche pagine in attesa ad assorbire
disegni di sorrisi
-Timidi fiori aspettano esili mani
per sposarsi nei capelli,fili d’armonie
diramate in bramosie
rosse fragole sugli zigomi
--------------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: AL FIUME   Mer Gen 18, 2012 5:16 am

A tratti dormiente
baciato dal cielo
tra addobbi di ninfee
ove raganelle accordano orchestre
e piccoli uccelli con code a bacchetta
scandiscono ritmi e gorgheggiano
per un concerto multi etnico

Su ramo di salice a pelo d’acqua
una gru in amore,col becco
scrive su molla pagina una poesia
subito recepita da batter d’ali
e aureole concentriche
invitanti a estasi

Tra due rive rigogliose
un albero caduto
fa da ponte ad altri animali
e nel via vai a volte si fermano
misurano il tempo mosso da pesci

Sassi muschiati radicati nel fango
porri,escrescenze di qualche dolore
o monumento a vite omaggiate
nel gioco crudele necessario
alla catena alimentare

Regna pace tra vibrazioni invisibili
anche se la morte sempre in agguato
ma ognuno sembra giusto nel ruolo
consapevole pedina in scadenza
in armonioso progetto di madre natura

Senza vento due rami in continui inchini
e ogni tanto uno schiocco di frusta
chissà,catapultano al cielo implori
a tenere lontano umani malvagi
--------------------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: PROFESSOR CARACALLO   Sab Gen 14, 2012 5:44 am

Occhiali a civetta in agguato
barba erba falasca bruciata
naso furetto a fiuto di fuga
mascelle ossute,dossi a intrusioni
gilet muta di serpente attardato
papillon farfalla in bacheca
andatura da cane zoppo schivato
per via d’inestirpabile callo
sotto pianta di piede felino
e accentuata con Buddista inchino
a ogni visione di bella donna
specie al mattino quando incrociava
la signorina Pericola Degli Intoppi
nobildonna di fare gentile
col galateo ospite fisso alle vene
-Nel lungo ripetersi di gestualità allenate
rimasero impresse alla mente trasognante
della dolce fanciulla esagerati ossequi
d'altri tempi del Professor Caracallo
che seppur schivo a ogni illusione
carpì maliziosa mimica assenso della suddetta
e a lungo andare perduto s’innamorò
-Come spesso succede a un cuore alato
tenta con ogni mezzo dar lustro migliore di se
e quel callo rompeva grazie di corteggiamento
-Seppur avaro,preso da impeti mai conosciuti
da un luminare si recò ad estirpare
la menomante perdurante escrescenza
-Atletico e baldanzoso in seguito si mostrò
al che la donna sgomenta avvertì
improvvisa mancanza d’ossequi
pensando fosse causa di presunzione e raggiri
a seguito di suoi arditi accenni a consensi
-Da quel giorno cancellò dal suo cuore Caracallo
ormai immerso a studiar allo specchio
esagerati perfezionismi che sempre più serrarono
una porta aperta in acclami creduta fortezza
----------------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: DEPLIANT   Gio Gen 05, 2012 5:23 am

DEPLIANT

TURISTI IN MOLISE

-Collezionisti di sbadigli
-archeologi del ronfare
-fisici dell’effetto boomerang
e del tempo standbay
-reporter d’arcobaleni congelati
-ricercatori di letargie primordiali
e raccomandazioni a effetto domino
-matematici di conti alla rovescio
-politologi di voti lievitati
-cardiologi di cuori esuli
-sociologi di promiscuità separate
-umanisti di clave religiose
-luminari di ciminiere
-alchimisti di ragli conviviali
-pastori d’icone questue

FAUNA

-Pecore con dentiere
-galline gassate
-cani zerbinati
-asini sillabati
-gatti muschiati
-corvi prostatati
-oche maquillage
-vacche accostate
-maiali quorum

PIATTI CONSIGLIATI

-Carciofi alla maninpasta
-broccoli alla fugaiola
-peperoni alla guardona
-cetrioli a tutto uso
-patate viste e copri
-fichi alla fai da te

VINI
-Traveggole del 57
-dirupo del 69
-tagliacorna d’annata
-cervo d'ogni casa d'annata
---------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: IN CHIESA   Dom Dic 18, 2011 4:11 am

La chiesa pareva uno zoo
zeppa di pellicce,kashmir
montoni,tigri,ermellini,volpi
e l’organo singhizzante
intasato di profumi in contrasto
chimica a delicati nasi esplosi
in starnuti silenziati da ricami

Fuori,sulle scale un prototipo
con braccio monco rintanato
in manico di smisurata giacca
archivio ambulante di stracci
custode di viso scarno brecciato a brufoli
-denti a pali lagunari consumati
da maree di svariati venti
-occhi,melmosi laghi essiccati
ove carogne in dorso al sole
-voce,raffica incagliata in consonanti
-orecchie, corde orfane di plettero
in attesa d’essere suonate da spiccioli

All’uscita di messa
cadevano frantumati sermoni
su eleganze complimentate
e ghigni di rinvii giocavano a tennis
con auguri targati buoni propositi
da interpretare se al bene,al male
imbarazzati alla vista
di quel derelitto cupo alla festa
tintinnava il cappello con l’altra mano
schivata ad arte in consumate distrazioni
a dire abbiamo pregato anche per te

Io cane sciolto,nei paraggi
povero ma ricco in confronto al niente
contento per aver sano ogni arto
e ciò di per se gran ricchezza
estrassi cinque euro con eleganza
sorridente li adagiai al berretto
tra condanne di marmoree facce
che in quel gesto videro affronto
e intralcio alla cavia di Dio
a rendere vivo umano il dolore

Sussurrai tra me...
un giorno la lancetta del male
si fermerà anche sulle vostre ore
..Il Divino vorrà capire
se utile o vana al progetto
sacrificale cavia
-------------------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: L'IMPOSTORE   Ven Dic 16, 2011 4:49 am

Chiese il bimbo al padre
davanti alla disorna lapide
cosa facesse da giovane
l’amato nonno
e questi….fu un grande attore
tutta la vita recitò fedele
da invalido sofferente
e fu pensionato

Ingenuo il pargolo stupito
poverino sempre a fingere di star male
ma non era meglio se avesse lavorato
a copione libero in altri umori
e poter correre,ridere, scherzare?

Bambino mio sei ancora piccolo
se uno finge d’esser Lazzaro
ci vuole anche Gesù al gioco
a dirti davanti a tutti
..alzati e cammina………..
altrimenti se lo fai da solo
ti seppelliscono davvero
in replica a studiare il miracolo
-ho capito ribattè sgomento il piccolo
era un parassita impostore
perciò raramente lo menzioni
-------------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: ANNI 60   Sab Ott 08, 2011 5:10 am

Vigile di leccornie corruttive
l’usciere dirigeva traffici
della regione Molise
…primo piano olio
caciotte in fondo a destra
salsicce terzo piano
polli al secondo,prima a sinistra
nasceva uno dei primi centri commerciali
copiato in seguito dagli Americani

Affluivano dalle campagne e dai paesi
ad ungere l’intasata burocrazia
e liberare pensioni, posti di lavoro
illegalità varie e truffaldine illusioni

Non era raro vedere sul pullman
uscire da una borsa la testa d’una papera
o le orecchie di un coniglio
oppure specie d’estate sentire
il tanfo nauseabondo dei formaggi
misto a fumo di trinciato forte
e odore di sudore a svolazzo d’ascelle
per non parlare dei fiati
al salto di denti marci macerati al vino

Tra i viaggiatori molti contadini
ispide barbe e cappelli habitat a funghi
vestiti impregnati di stalla e fuliggine
e con Grosse mani ove calli e crepe
parevano mappe di dirupi viste dal satellite

La strada era piena di curve
e gli occupanti navigavano
alcuni vomitavano senza vedere il mare
ma poco importava il ballo alle budella
un ufficio del paradiso in terra l’attendeva
e al ritorno un coniuge biascicante
che col pollice saltava palline di rosario
-----------------------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: PATRIA   Gio Set 15, 2011 5:39 am

Povera mucca
color neve e carbone
e occhi a mezza luna
legata con catene
alla staccionata Europa
e tutti a spillar latte
notti e giorni
e pochi pietosi in affanno
a portargli da mangiare

Poi qualcuno ha incominciato
a rubare pastura e acqua
e lentamente le ossa
divenute impalcatura
del muggire agonia

Altri si sono guardati le scarpe
slacciati le cinghie
hanno stimato anche la pelle
e con slogan salvifici
mentalmente sono diventati calzolai

Dal grembo i bimbi
chiedono svezzi
prima del parto
-i vecchi s’abituano
a nuovi cappuccini
di vino e caffè

Dal macello
a mettere d’accordo tutti
uscirà una pergamena
con scritta la parola
…..AMEN…………............

Piangono i morti a Caporetto
si sciolgono lacrime alle Alpi
s'inabissano croci alla memoria

Pasteggia nefasto il tarlo
coi libri di storia
--------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: IL GATTO   Ven Set 09, 2011 4:14 am

Tre zampe all’istinto
una per l’assolo al dolore
e due lucciole nelle tenebre
il vecchio gatto ferito
allertato da fruscii
comprime respiri ribelli

Trucco inceppato
di nuvole diradate
svela la luna
subito ammantata
ma nel breve bagliore
cambia la partita
di prede e predatori

Mestrui odori
slacciano azzardi
subito spezzati in versi
incisi in altro sangue

Sul salice un allocco
frusta amori timidi
e il tonfo di una raganella
gong a cuori in ritirata

Palpitano nel silenzio
bramosie di fauci
e ormoni al guinzaglio
-------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: UN RUMORE   Lun Set 05, 2011 4:05 am

-Sento un rumore alla porta
come quando chiudevi
i libri di scuola
poi penso...
il tuo cuore fuggito
mi viene a trovare
o sarà la tua mano
che cerca d'aprire
o forse è solo un ricordo
che vuole gentile tornare
oppure un cartone
sospinto dal vento

-M'affaccio,fuori tutto tranquillo
ancora una volta tra i deliri
mi sono tutto inventato

-Maledetto vento
completamente assente
almeno un dubbio
lo potevi lasciare
e confondere questa pace mortale
col soffio di un'anima
-----------------------------------------
Da:Vite Contromano
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: VENTO   Dom Set 04, 2011 5:06 am

Fiato d’ anime riunite
in lotta per affermare lamenti
a pene inadeguate ai peccati
il vento schiaffeggia corruzioni di vivi
mischia in vortici implori e bestemmie
con abbaiare di fame o lucri di finte
assoggettate a spietati padroni
che della razza vantano spietati l'orgoglio

Ali di coltelli, foglie di canne
tagliano desideri alle gole
mentre il sottile tronco si piega
s’inchina, frusta voleri di Dio

Impazziti alcuni animali
i loro odori giungono
a bocche insultate
sollecitate da stomaci vuoti

Bianchi assassini i gabbiani
volteggiano, aspettano
lanci di pesci
in onde furiose

Capelli sfibrati
chiudono occhi agli amori
per farli sognare gia’ persi
e s’abbracciano forte
a sentirsi ritrovati in sintonie smarrite
che l'invisibile furia prestigia

Vento, questo nulla invisibile
alato da presagi
con rumori di moniti
mischia carte e mette in gioco
destini d’anime già precarie
in sorteggi di parti,
casuali,sperati
acclamati,oltraggiati
cancellati
-------------------------------
Da: Voci Dall'InfernO
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: MATRIMONI OGGI   Sab Giu 11, 2011 1:13 am

Da lampo a tuono il tempo
per passare da matrimoni
a code ai sacrari per divorziare

Oggi ci si sposa a testa in giù
sugli aerei,sott’acqua,nei bordelli
e preti e cerimonieri al formaggio
si prestano alle cagliate
spruzzate d’acqua geroglifica

Chiamano amore a dirupo di denti
chimiche floreali a refrigerio di corpi
litografie di calendari
plastificati in vessilli annoiati
sventolati ai posteri harakiri

Sotto occhi guerci timbrati serrature
paffute prole imprinting a più cortili
seguono dissimili in stupori
allatto di galline,pecore in cova

Togati corvi preparano conce pelli
per scriverci la parola divorzio
passaporto al promiscuo brado
nel gioco di ormoni a dadi

In discarica sociale a curare
sguinzagli traumatici di cognomi
al tiro di fune
---------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: POETI E SALOTTI   Mer Giu 08, 2011 12:30 am

Affogano le idee
nei loro nozionismi
da esibire in sterili salotti
dove l'anima a disagio
rimbalza sui duri visi
per cadere nella macina
della lotteria dei vocaboli
pronti al matrimonio
combinato
e combusto
nel silenzio dei cuori
pesi morti
nella bilancia del baro

Nel mercato dei fiati
arbitri i lacchè
nei salotti
contano gli inchini
e neutrali per ognuno
una tacca sul carnet
e un nome su una lapide

La stampa locale
sa che deve ignorare
qualche cane che ringhia
e regalare una pecora al regime

Nella vittoria degli elogi
tra targhe e sermoni
come gabbiani che seguono
una barca che smuove le acque
i poeti dietro i galoppini
per gli onor di tavola
in una festa completa
tranne il disertare
di un solo ospite
.......la poesia.......
---------------------------
Da:Soste Precarie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: COMUNISTI   Sab Mag 21, 2011 5:35 am

Se gli smontavi la testa
per metterci altre idee
alla fine automi alzavano al cielo
sempre il pugno chiuso
fieri gridando.. compagno

Mani a mappe di promontori
facce a strade brecciate
pozzanghere gli occhi
e sul torbido riflessi di stenti
mai domi a granitico credo d’utopie

Divinità ferro e legno
stretti nella carne,falce e martello
su sfondo sangue bollente
in cornici di sogghigni
Comunisti d’un tempo
forgiati a ideali d’uguaglianza
indomiti a ingiustizie,

Croce su un simbolo
battesimo ripetuto
a temprarsi lucido dentro
stesso nome..compagno

In Italiano torchiato su binari
storti dalla lingua
infuocati al capolinea
litigavano con vocaboli
troppo lievi a intenti ideologici,
asini pigri delicati a congrua soma
fiati imborghesiti al dissenso

Toro nell'arena scatenato dal nemico
il lusso corruttivo da sconfiggere
in onor di Patria col rosso di vene
ed eroico coraggio
...costasse la morte
---------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: SGUARDO PECCAMINOSO   Sab Mag 14, 2011 7:13 pm

Pennellò lo sguardo
lieve sul viso angelico anemico
e fulmineo fu assorbito
dal velluto delle gambe
mentre le ciglia a molla pazza
continuavano a vibrare
al sobbalzo del dosso
di turgidi seni
subito al tremore

Socchiuse gli occhi
lucerne al mistero
per regalare uno spiffero
d'invalicabile sogno all'anima spugnosa
distaccata a rimirar giocosa imbarazzata
macchie invadenti di rossore antico
sulle pallide mascelle
della donna
che cercò aiuto
all'improbabile scompiglio
di ribelli capelli
per imbarazzo e peccato istruito
disertore al rifiuto
e lento s'espandeva
in violaceo sudore freddo
innesco d'abbandono
ferie e allerta di nervi

Le bocche,corde di chitarra
tese cercavano parole
esodo di vocaboli
farfuglianti rapiti da cuori sciolti
che macinavano in respiri
mentre lunghi segreti e silenzi maceri
in cassaforte educativa
chiedevano riscatto
nel saldarsi dei corpi
estranei ormai a rigori,
ossidati d' immagini retoriche
mai adoperate a ripulire
represse ansie esplosive
vani concistori familiari

Il silenzio di follie che
volevano dormire avvinghiate
allertò le lingue,spade contundenti
in incubo piacevole
nel desiderio d'annodarsi
incorniciate da labbra rosee
che invocavano buio in luce d'estasi
e incollarsi per spegnere
fiamme d'amore

La donna corse con le mani al petto
per addomesticare il seno
che pretendeva tatto di mani diverse,
le gambe sciolsero le briglie
e resero imperfetto buio
triangolo di gonna
che lasciò intravedere
un lembo di seta incandescente
ultimo baluardo di difesa
del mistero che voleva aprirsi
all'accoglienza di un maturo frutto

Lo squillo del telefono
suonò il gong
d'una realtà diversa,
le anime si ricomposero
a sfidare desideri
dell'etica e dei doveri di mestieri
coniugali------------------
------------------------------------
Da:Soste Precarie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: IN VIAGGIO   

Tornare in alto Andare in basso
 
IN VIAGGIO
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 29 di 33Vai alla pagina : Precedente  1 ... 16 ... 28, 29, 30, 31, 32, 33  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Il peso dell'anima :: Poesia e Letteratura :: Le vostre poesie-
Andare verso: