BENVENUTO sul Forum!
Effettua la registrazione per condividere le tue riflessioni con gli altri utenti.
(Ti ricordo di cliccare sul link di conferma che ti arriverà nella mail di avvenuta registrazione).
Ti aspetto!
 
IndiceFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 IN VIAGGIO

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1 ... 17 ... 30, 31, 32
AutoreMessaggio
michael@santhers




MessaggioTitolo: NOTTE ESTIVA   Gio Giu 17, 2010 6:42 am

Notte d’estate come tante,la mia
anni appesi al lampadario
sotto il portico
osservatorio auspicante
a piogge purificatrici

Profumo di cero Indiano
allucinogeno a zanzare profughe
rifornite di sangue stanco

Voci strozzate d’esseri indefiniti
srotolate al domani incerto
tra alberi assopiti che puzzano di tavole
mendici a brezze a ravvivarli

Lessa sogni a fronte corrugata
la calura e sprona mani incerte
ad argininare argenteo olio di nostalgie

Da qualche rudere canta un civetta
media tra il regno del non senso
e quello d’intrusi a cottimo
che masticano rinvii vidimati

Cade una stella sovraccarica
di speranze impacchettate,
gli occhi tentano d’afferrarla
e schiacciati cadono nel sonno
----------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: GLI OCCHIALI   Gio Giu 17, 2010 3:18 am

A vent'anni
incominciò a vedere la realtà offuscata

Davanti al medico che gli ordinò un paio di occhiali
rimase sgomento

Quei vetri spessi sugli occhi
gli rivelarono una freddezza del mondo
e quando se li toglieva
la nebbia di un sogno che mai partiva

Il responso popolare
fu l'esagerata masturbazione
che aveva consumato le vitamine migliori
indispensabili alla manutenzione
di quelle finestre sul mondo
aperto verso un punto fisso....le donne
poco cercate e incluse soltanto nell'immaginazione

Due manette ai polsi gli esperti gli consigliarono
ma il fisico costretto ad alcune immobilità
dopo alcune mattine ne risentì

Scartando altri consiglieri prodigati
al suo problema trovò semplice la genialità
di cercare una donna vera
che lo aiutasse a gestire con razionalità gli impulsi

Con l'impegno e la determinazione nell'intento
a breve tempo riuscì

Allenato coi sogni e la fantasia
deludenti furono le prestazioni
almeno così lui pensò
non avendo esperienze si affidò ai paragoni
di racconti gonfiati

La storia finì male
il racconto è la sintesi di una foto sul giornale
con due mani staccate con due manette ai polsi
e poco lontano due occhiali
sui binari, brandelli il resto del corpo

Io come sempre passai per caso e sussurrai
..è morto perchè aveva una tenda
di cialtroni nell'anima
-------------------------------------------------------------------
Da:Soste Precarie
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: SILENZI   Gio Giu 17, 2010 1:13 am

Silenzi
si tendono la mano
abbracciano il mondo
che m'esculde

Automa
cerco di calmare il cuore
ferito disilluso
frusta respiri
rintanati al petto
mentre la tua vanità
dirige il traffico
del dolore deriso

Silnzi
mille serrature
a prigione d'anima
e un sorriso serio
unico grimaldello
a liberarla

Silenzi
fontane di pace
e a volte lapidi
su pensieri suicidi
rifiutati da parole
-----------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: GLI ALBERGHI DEL LUNGO SONNO   Mer Giu 16, 2010 3:23 am

E' bello passeggiare
d'autunno
in certi cimiteri
che sembrano immensi alberghi
con tanti letti all'aperto
con coperte di erba
di foglie
di marmo

Fanno tenerezza
i cipressi
con quel tentativo
di offrirsi imponenti
come scala verso il cielo

Il sonno eterno
è di pace
e non irrompe il suono
di nessuna svaglia

I morti hanno lasciato
i loro orologi ai vivi
a loro non fanno più effetto
le lancette del tempo

Poi è bello ascoltare
le loro voci
fatte solo di scritte
e silenzi da interpretare

Si fa sera
si accappona la pelle
si sentono grosse mani gelide
sulle spalle
e il rumore forte dei respiri

Si torna a casa a pensare
i morti innocui fanno paura
e noi continuiamo a sentirci
più sicuri tra i coltelli
dei vivi
-------------------------------------
Da:Parole fredde
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: LUOGHI E DESTINI   Lun Giu 14, 2010 2:59 am

Affezionato, il maiale
Scambiava ogni giorno
plano di mano su schiena,carezza,
ignaro misura di carni a coltelli

L’asino coinquilino pensò
col mio amico bue
fummo balie a Gesù
ora ricompensati da adepti
possiamo fermare
col lavoro la morte
ma in India lui è rispettato Sovrano

Intuì presagi e cupi pensieri
Il cane,
con la coda disegnò nella polvere
un globo terrestre
pisciò sulla Cina
disse al suddetto suino
di fuggire in Arabia Saudita
--------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: IL CATRAMISTA   Dom Giu 13, 2010 3:52 am

Truccato
apprendista diavolo
sulla terra
in agosto
dipinge
con vomito nero
bollente
saette
per inseguire
il progresso
a cinquanta gradi d'asfalto
perde la coda
passaporto
per gerarchie
d'inferi
-Torna a casa la sera
e sulla spalla
s'è bruciato il trespolo
dell'angelo custode
ma la moglie accetta
il dono del pane
e sazia speranza
...di volo...
nè in cielo
nè in terra
a certi uomini
il sogno,nel limbo
----------------
Da:Voci scomode
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: TUAREG   Sab Giu 12, 2010 3:43 am

Sabbia nel deserto
granelli di conta
confusi al misticismo
di vite liberate da cavalli
e anime torchiate
in inchini di preghiere
alate da gesti
di mani congiunte
innalzate al cielo
nel tramonto del sole
che allenta il calore
e raduna bisbiglii
per abbeverare il silenzio

Oasi che incantano dune
malleabili
si sciolgono al plagio
annullano riferimenti
e distanze per Tuareg
con braccia a taglio di fronte
come arcobaleni precari
a simboleggiare
la vicinanaza lontana
di Dio

Chiude il vento
orme di zoccoli
nessuna traccia
rimane nel sogno infinito
dove gli uomini sono
solo fantasmi divini
e si illudono consapevoli
di scrivere il tempo
solo con figli e echi di voci
sul calendario ..di sabbia
-----------------------
Da:Soste precarie
www.santhers.com
__________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: DAL GIARDINO   Ven Giu 11, 2010 4:07 am

Saltella sul ramo un pettirosso
con coda a molla
dirige canti circostanti
interrotti da rombi bulli

Sopraggiunge un merlo
e dal becco si contorce un verme,
più in là carnei triangoli
sbocciano da pugno ceppeo
tremuli in mira a fogliame cielo
attendono scelta a giro
di saggia madre,perpetuo dono

Come ricciolo ribelle d’angelo
tagliato a sfizio da Supremo Padre
e rimesso in vita a divertire
intrigare a terra,uno scricciolo
ballerino in gioco a sipari foglie
e di tanto in tanto pizzico di violino
il canto a burla d’orecchi tesi
a carpire mai precisa deliziosa fonte
ma l’anima mia finalmente ristora.
---------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: QUESTO PAESE   Ven Giu 11, 2010 3:07 am

Questo paese
smemorato
senza più coscienza
ha seppellito ogni indignazione
alle stolture
assorbite normalità assoluta
-Unica protesta seria
l'abbaiare di cagne
per figli bastardi omessi dalla conta
di padroni
-Nei sognatoi globalizzati
poeti si scambiano bende agli occhi
e copulano con fantasia
innescata da autoreferenze
-Spetterà alla storia fantasma
estrapolare da decenni di decadenza
qualcuno che si sia accorto
d'anime piatte pilotate da scempi
e la poesia vera sfuggita all'opulenza
la si dovrà cercare
in qualche fotogramma inceppato
pietrificato in occhi di remoti morti
in qualche parola abortita
dai pochi ribelli a cui il potere
affettò la lingua
-Srotolati ricordi di quest'epoca
un buco nell'acqua
del fiume della vita
---------------------------------------
Da:Voci Dall'inferno
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: LE MORTI BIANCHE   Gio Giu 10, 2010 2:42 am

L’operaio capì che l’inferno
è sulla terra
e il paradiso sono quelle ali
che ti fanno volare
sopra le miserie

Dall’ultimo piano
il decimo piano
fece per toccare una nuvola
con un dito
e precipitò nel vuoto

Le chiamano morti bianche
come avvenissero senza sangue

Sono morti inopportune
che spesso avvengono
quando l’informazione
è già impegnata in altri eventi

Sono cadaveri con vite banali
sono numeri decimali
che non incidono sul bilancio

Sono cani che hanno abbaiato
nel qualunquismo per mestiere
sono un nome nell’anagrafe
che si scrive e si cancella
come un’impronta nel deserto
in pieno vento

Sono i ricordi sbiaditi
del giorno dopo
-----------------------------
Da:Parole fredde
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: MANICOMIO   Mer Giu 09, 2010 1:37 am

Ho detto cose eccentriche
ma sempre più o meno
riscontrabili
e tutti mi hanno deriso
preso per pazzo

Un uomo vestito di nero
al mio paese, tutti i giorni
parla del regno dei cieli
che nessuno ha mai visto
e tutti in silenzio
riverenti gli credono

Ho imparato a mie spese
che è meglio dire bugie
talmente grosse
non riscontrabili
e non verità che vanno
un po’ fuori dagli schemi

Mi hanno messo in manicomio
solo per aver chiesto con insistenza
per appagare una curiosità
…quanto costava un monolocale
sospeso nel regno dei cieli

Sapete mi è venuto spontaneo
avendo io vissuto
in un buio seminterrato
dove oltre a non vedere il mare
che ci può stare
ma caspita….il cielo
bha…mi è costata cara
solo domandare di esso
----------------------------
Da:Voci scomode
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: PICCOLE ALI   Lun Giu 07, 2010 1:38 am

Piccola vita che crescevi dentro di me
poi d'un tratto pezzo di ingombro
che alimentavi le mie paure

Corda legata ad un cielo
opprimente,abbassato
che mi impediva quel salto nel vuoto
per farla finita

Un prezzo alto di un piacere breve
figlio intruso
mi sbarazzai di te e ti lasciai dai falchi
che mi imbrogliarono
facendo finta di cullare la tua piccola morte

Ora mi servi piccolo fiore
a cui mancava l'ultimo sole per sbocciare
e io ti lasciai in un luogo senza tempo

Non posso piangere sul tuo cimitero
che ho dentro di me e non vedrò mai
però sento le voci del tuo piccolo scheletro
vedo i fantasmi del tuo piccolo volto
fermato a metà

Anima mia lo so che non merito pace
ma vorrei che il mio dolore ti giungesse lo stesso

In un luogo da designare costruirò la tua piccola casa
per tenerti a riparo dai peccati del mondo
mi trascinerò fino allo stremo per venirti a trovare
portarti i tuoi giochi rubati

Piccole ali non so se avete potuto volare
verso un cielo lontano
o siete cadute nel posto più brutto
e per questo dubbio che non mi basta il dolore
non c'è pena che io possa scontare
non c'è volto che costruisco
che possa chiarire
come potresti essere adesso
----------------------------------------------------
Da:Normalità Incondivisibili Tra Maschere Clonate
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: AVE MARIA DI UN ATEO   Dom Giu 06, 2010 11:48 pm

Ave Maria
farfalla dei cieli
polline di stelle
che vaghi in preghiere
di poveri cuori
che hanno speranza
di giungere a te

Madre dei figli che vedi
ferma la scia di un lampo
per dar luce
a quelli dispersi

Noi atei o peste
abbiamo nel sogno
l'umana speranza
fatta di ali
per venirti a trovare
nel tuo eterno grembo
di quiete

Ave Maria
nebbia di mente
e luce di chi crede
poniti come speranza
anche per noi figli incidente
di istinti e di impulsi
sfuggiti
a irrefrenabili orgasmi

Ave Maria
quando il tuo nome
scuce le bocche
...non credo
ma sento una flebile gioia
e non so perchè

Ave Maria
forse è soltanto
il tuo nome di madre
che richiama i suoi figli
sfuggiti
al destino
.....del mondo....
-----------------------------------
Da: Parole Fredde
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: PASSI SULLA NEVE   Dom Giu 06, 2010 11:43 pm

-Sulla neve
ogni impronta una storia

-C’è il passo forzato
che sosta oscillante
tra un impreco e il non
sapere dove andare

-C’è l’impronta
di chi si sente braccato
dalle cose di ieri

-C’è il passo schifato
di chi deve dividere
condividere
questo lenzuolo bianco

-C’è il passo di chi si sente
incollato ad un vino
su una tovaglia
che incanta la fame

-C’è il passo degli amori
che rallentano e si studiano
sperando che cada un difetto

-Ci sono i passi dei bimbi
in questo sogno confuso
che si scioglie da solo

-C’è il passo delle prede
e dei predatori
come pennelli dell’anima
che scavano su questa tela
tutta da riscrivere

-Macchie di sangue da lontano
come rose fuori stagione
che chiamano la vita
a mettersi in fila
sotto una mano bendata
per uscire dal quadro
e perdersi
nelle cose
....di sempre...
-------------------------------
Da:Una Farfalla All’ombra Della Luna
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: DELIRI IN SOGNO   Dom Giu 06, 2010 11:30 pm

Sogni sfuggiti al vino
a sua volta evaso agli anni
e..in delirio.............

Preti nei campi
politici chierichetti
avari mecenati a fiere

Atei a pregare con telecomando
uccelli coi fucili
e alberi in frac

Manager a carponi
a mo di bue e asinello
a presepi d'ogni giorno

Sorrisi a motore
in modo perpetuo,
rabbia carburante ecologico
affetti,capolinea
desideri,cambio di marce

Baci coniati
incisioni d'agnelli
in zecche patronali

Sciopero di rosari
a lingue lucertole
Santi un uffici postali
e al refettorio in banche

Poeti,perenni in cattedra
asceti a fili d'inganni
a spiegare al silenzio
pane vuol dire grano
amore ozio di sensi,
condiviso

Che Guevara
su arcobaleno di colori vergogna
spara confetti,
su CD d'ostie incide vangeli
condanna a comunioni
Robin Hood invertiti
-------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: MACCHINE   Dom Giu 06, 2010 11:28 pm

Uova pasquali lamierati
unico regalo a se stessi
cuore a sorpresa

Rotolano verso non so dove
smaniosi di partire
tristi ad arrivare
amorfi a vie di mezzo

Occhi sommelier di retorica
sorseggiano paesaggi
pasteggiano bestemmie
dipingono divenire

Giocano respiri
tra incensi gratuiti
di funzioni a scongiuri

Minigonne su cartelloni
icone di chiese sconsacrate
estorcono paragoni
a retoriche domestiche
inconfessabili

Claxon invitano
a visitare morti
a deforestare teste
a sorteggiare madri

Strada è vivere
tra due capolinea
da evitare
------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Admin
Admin
avatar


MessaggioTitolo: Re: IN VIAGGIO   Dom Giu 06, 2010 10:43 am

Ciao Michele e BENVENUTO nel mio Forum.
Mi ha fatto piacere leggere le tue poesie, tra l'altro sono anche andato a visitare il tuo sito.
Aspetto che tu faccia ritorno quì per continuare a condividere con noi questa tua passione e se ti va rispondi anche agli altri argomenti.
A presto.

_________________
Siamo liberi solo nei sogni...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.wix.com/ilpesodellanima/blog
michael@santhers




MessaggioTitolo: PRIMA COMUNIONE   Dom Giu 06, 2010 5:57 am

Il prete ha fretta di incassare la parcella
e raccomanda le piccole anime con segni
a metà strada tra artificio e concedo

Al ristorante c’è un menù fatto di pesci
ed altri animali morti
più o meno tagliati a pezzi
che devono ben figurare nel lieto dell’evento

C’è un vecchio cameriere
con i sogni consumati a rate
nato come servitore di brodaglie
e promosso a misurare le pance gonfie
degli invitati

I bimbi ricorderanno solo i giochi un pò feroci
avallati dai genitori distratti
a iscriversi nell’albo dei meriti delle vanità
a prezzo alto

Poi mia madre tornò a casa
e si guardò allo specchio
soddisfatta per aver riportato pochi danni
dopo il parto e esser piacente ancora
per i giochi dell’amore
-----------------------------------------------
Da:Amori Scaduti Di Un Essere Qualunque
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: RONDINE   Dom Giu 06, 2010 5:46 am

È la stessa rondine
tornata da lontano
sulle delizie del vento
ha raccolto i nostri
eterni lamenti
lo vedo dalle traiettorie
come a voler spezzare
i nostri sguardi
che si sparano il dolore

Gira su se stessa
poi riparte danzante
fa un'aureola
per incorniciare
due cuori vagabondi
disillusi che si cercano
e si temono

Fa uno stridulo canto
per regalare le parole
e sciogliere due anime
imbalsamate nell'orgoglio

Amore mio
lei sa che siamo due ali
separate
e tu non vedi con quanta forza
vuole insegnarci a volare

Arresa ritorna nel suo nido
ci lascia coi piedi per terra
si riprende il cielo
che in questa primavera
che ha svegliato tutti
ci voleva regalare

Vedrà due nasi
che punteranno il sole
e occhi rossi
per l'alibi al bagliore
di due lacrime
che invece hanno sorgente
tra le nostre rocce
di dolore
---------------------------
Da:Voci Scomode
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: IL CASOLARE   Dom Giu 06, 2010 5:43 am

Come a voler riprendersi mal tolto
la natura avvinghia radiche al casolare,
cadente segnale di lacrime
che aspettano di ritornare agli occhi

Liscie pietre unte da gratti animali
riflettono stesso sole oltre oceano
è lì che stanno cuori confetti lanciati
verso matrimoni ciechi
mai domi a nostalgie tarlanti

Una porta semi aperta
baciata ai piedi da foglie morte
e una finestra che saluta al vento
sono queste scene del destino
ravvivate da un passero stridulo

Sul tetto, gramigne
capelli del tempo tra tegole
ancora berretti ai pensieri lontani
--------------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: IN VIAGGIO   Dom Giu 06, 2010 4:56 am

All'ennesima brusca fermata
alzai la testa pesante,sognante
che già elaborava il ritorno
e gli occhi pigri si spalancarono
allertarono il cervello confuso
-Vidi salire una ragazza così bella
che mentre provo a descriverla
il cuore impazza e la penna trema
-Aveva in braccio un cagnolino
l'autista fece per dire
...ma....Signorina…..ma..
si bloccò e incominciò a masticare
parole che s'arresero alla mimica di finto rigore
-Una zitella con virtù perse negli anni
sussurrò stridula.. è un pullman
non carro bestiame
e l'invidia per quel fiore di gioventù
fece battere alcune vene nere
del suo sfiorito viso truce
-Tra i presenti incantati,un vecchio la riconobbe
la invitò a sedersi a fianco
e quando lei con Divina grazia lo fece
incominciarono suadenti a conversare
e la bestiola s'adagiò soave sul prosperoso seno
ruotò compiaciuto la lingua a termometro
a misurare e circoscrivere Paradisiaco idillio
-La realtà mi procurò inquietudini,
socchiusi gli occhi e ricominciai a sognare,
dopo un pò abbaiai sentendomi toccare il pelo
poi un tonfo e mi svegliai fulmineo,
con tristezza constatai al capolinea
la mano rude dell'autista sopra la spalla
.che mi diceva lapidario
.....Signore.. siamo arrivati.....
---------------------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: IN VIAGGIO   

Tornare in alto Andare in basso
 
IN VIAGGIO
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 32 di 32Vai alla pagina : Precedente  1 ... 17 ... 30, 31, 32
 Argomenti simili
-
» Viaggio post laurea
» Viaggio all'Inferno
» Tokyo Disneyland - Disney Sea : Consigli di viaggio
» MOSTRA A TAORMINA; "Viaggio a Taormina" 4-30 Agosto 2012 Fondazione Mazzullo. Anteprima di alcune opere del maestro..
» Il Viaggio Fantastico (a cura di F.M. Spampinato)

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Il peso dell'anima :: Poesia e Letteratura :: Le vostre poesie-
Andare verso: