BENVENUTO sul Forum!
Effettua la registrazione per condividere le tue riflessioni con gli altri utenti.
(Ti ricordo di cliccare sul link di conferma che ti arriverà nella mail di avvenuta registrazione).
Ti aspetto!
 
IndiceFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 IN VIAGGIO

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1 ... 18 ... 32, 33, 34  Seguente
AutoreMessaggio
michael@santhers




MessaggioTitolo: QUANTI ANNI   Lun Lug 19, 2010 3:55 am

Ho il doppio degli anni
della vita massima
di un cane di buon padrone

Ho gli stessi anni di un mercante
tra l'avvio e l'arrivo
meno quelli di un bambino
al primo stupore

Ho gli stessi anni di un padre
che smette di esser figlio

Ho gli stessi anni della metà distanza
tra gli occhi e il tramonto
dietro l'ultima collina

Ho la stessa età di chi può anche arrendersi
e il doppio di chi spera senza affanni

Te lo dirò bambina mia
anche se il conto è facile
ho solo cinque anni in più del tuo sorriso
---------------------------------------------------
Da:Amori Scaduti Di Un Essere Qualunque
www. santhers. com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: MODERNITA'   Dom Lug 18, 2010 6:04 am

Matrimoni baracconi
farciti messe incagliate
in smentite,arpioni litanie

Viaggi erranti mappati factotum
per ritrovare anime proprie
in posti sconosciuti da assorbire

Mode pappagallo
code d’asini antennate
e nasi asserzioni tartufate
a deretani guida

Notti bianche collettive
a cercarsi eroismi individuali
in fracassi addobbi
preludio firma autoconferme

Donne vetrinate
vanità da frattaglie a filetti
ennesime esposizioni
tagliole a quantistici ormoni

Facebook e cellulari
binocoli a contrario
vedersi lontani da vicino
rimescolanze,prezzi d’abitudini

Copiare imperativo
originalità qualunquismo
meta vuota raggirata evoluzione
s’incaglia ciabatte griffate
e allevare prole in TV
oggi senza radici
nel ieri saccheggiato
ignari perpetuato

Non s’estingue specie
sulla quale pende
taglia di lumi a rinsavire
-------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: IL CANCELLIERE TEGOLA   Sab Lug 10, 2010 6:11 am

In tribunale il cancelliere Tegola
con la testa nel vortice di un amore perso
scrisse arrosto invece che arresto
e per quel giorno la giustizia andò in fumo
come in fumo il sogno di quella figura
adattata e fatta vagare troppe volte
nelle stanze, nel suo letto in sogni in piena luce
spesso consumati nell'abbraccio di un cuscino unto
nel rumore di una frase strozzata tra denti incauti

Quella vita consumata a misura
e fatta passare per l'inchiostro di una penna
e adagiata sopra un foglio mai spedito

Quell'amore circondato da un sorriso
mai diretto...per paura
quel suo cuore vagabondo e razionale
depositato tante volte in una rosa
mai donata per orgoglio

Lo chiamavano il cancelliere Tegola
per quella mano portata troppo spesso
a taglio inclinato sulla fronte
per far cadere in basso i suoi pensieri indegni

Per caso o per far fede al suo nuovo nome
lo trovarono appeso sotto una grondaia
stavolta sopra la fronte...una tegola vera

Io pensai
siamo noi che dipingiamo i quadri tristi
della nostra vita e gli altri implacabili
giorno dopo giorno costruiscono
la cornice da appendere
--------------------------------------
Da:Un Temporale Acclamato Con Nuvole Dirottate.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: PETI   Ven Lug 09, 2010 3:48 am

La vecchia macchina da scrivere
s'inceppò e saltò una O
e invece di poeti peti
ma poi si rese conto
non c'era differenza tra i due termini
aria e recite stesse flautolenze indecifrabili
solo quelle letterarie incoronate
e le altre denigrate
comunque entrambe a perdersi
nell'aria
-Era una sera imbalsamata d'inverno duro
l'ombra disarmonica
rifiutava compagnia alla figura
e le parole dattiloscritte rilette
fulminee ritornavano a cuccia al cervello
rifiutandosi a suoni di vita
e solo l'eco dei peti forzati nella stanza buia
segnalava a se stesso umana presenza
-In certi momenti
quando i pensieri tomba di se stessi
qualsiasi segnale, rumore esterno
può essere flebile fiamma
e flebo all'esistenza
affossata in suo stesso inconscio congelato
------------------------------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: POSTI DI LAVORO   Gio Lug 08, 2010 3:08 am

Posti di lavoro
di grande sofferenza
non per fatiche estreme
ma solo per l’ignavia
di certi capi che andrebbero
almeno per gioco di parole
decapitati

Bastardi di brutta luce al parto
in aureola di costante cupidigia
e unico intento,cecchini a sorrisi
carcerieri a ogni gioia

Che l’inferno li accolga
a gran fanfare su tappeto
di carboni ardenti
per un brindisi all’infinito
di lava in gola
-----------------------------
Da:DestinI E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: SALDI DI FINE STAGIONE   Mer Lug 07, 2010 1:58 am

Il tempo lento e veloce
sempre nelle sistuazioni che non serve

L'estate è finita

Si aggirano gli ultimi turisti
come insetti sfuggiti a un pesticida

Al ristorante
sono tutti stanchi e un po' nervosi
un cameriere chiede a dei signori
cosa prendono da bere e questi
siamo venuti qui per mangiare

Fuori dal locale legato a un tavolino
non accettato dai commensali
un cane che ha perduto la memoria
non si ricorda di abbaiare
e cerca di scavare il pavimento

Vengo distratto dalla televisione
parla di un uomo che passava
con la macchina davanti a una chiesa
e nel farsi il segno della croce
ha investito un bambino

Poi..
entra una donna brutta
con due bellissime figlie
e mi viene da pensare
che anche dal peggio si creano cose buone
e che non sempre ciò che promette bene
va per il meglio

In questi saldi di fine stagione
strizza il mio cuore una nonna
che mangia quasi niente
e considera suo nipote
come ultimo appiglio alla vita
che la sta per lasciare
----------------------------------------
Da:Pensieri Che Non Dormono Mai
www. santhers. com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: MADREPERLA   Dom Lug 04, 2010 4:33 am

Nel vuoto dei giorni
occhi di madreperla
ad arrostire i cuori
attizzati dal vento
delle ingiurie pesanti

Sono i tuoi
spezzano difese di castighi
recinti di abbozzi preghiere
blasfeme

Donna che cucini
zuppe di colori
con fiori d'altri intenti
un intruglio di peccati
che l'anima ricerca
nell'espandersi al ristoro

Il passo danzante
che mi regali come incanto
è una cerna di pensieri
ancora nati e già
stritolati dal destino

Rimane
una vita da cani
che oliano abbaiando
con bava e rimorsi
il silenzio arrugginito

Verranno altri giorni
maledetti
a coprire i tuoi bagliori
scintillanti
a scaraventare volti
nello stomaco
per una somiglianza incerta
azzannata dal tuo infido
sorriso

Sono solo pene grevi
che non posso evitare
ma serviranno all'ossa
scricchiolanti a ricordarsi
che l'inferno l'hanno fatto
a piedi e col rumore
hanno divorato il tempo
sulle scie di due occhi
maledetti di madreperla
e bocche sdentate
chiameranno tutto questo
a fiato secco e stridente
.....ancora..amore mio.....
----------------------------
Da: Voci Dall'Inferno
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: AMORE DI LEGNO   Mer Giu 30, 2010 6:13 am

Seppur per il Santo
nel cuore non avevo
più preghiere
ormai scomparse
in pessimismi
d'altri consulti sterili
-Attesi la processione
formicaio di lento andare
su galleggiante foglia
sopra cheta acqua
-Osservai la folla
in compostezze,
controparte a malfatte
sottaciute
-Nel biascicato sussurro
di sermoni
d'incanto all'improvviso
bella come non mai
sfuggita al sogno
mi passò davanti,
con sgomento vidi
era lei statua di legno
e umano vivo parve il Santo
che sicuro ruotò
imploro al cielo
-Mi sentii deposito d'anticaglie
e lei dorata icona rubata
-Da ateo feci zig zag
con la mano,simulai una croce
sulla lapide d'ennesimo
gelido silenzio
intitolato amore
----------------------------
Da:Voci Scomode
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: ATMOSFERE PERSE   Dom Giu 27, 2010 4:30 am

Nella pignatta
al bollito di maiale
la vecchia aggiunse delle rape

Piccole bolle
come da bocca di naufrago
che lotta per rimanere in vita
uscivano ai lati del coperchio
che di tanto in tanto si sollevava
come crosta di terra
spinta da un animale alla scadenza
di letargo

Ai bordi
simile a bava di lumaca sazia
una piccola schiuma
si allungava e si ritirava
intenta a voler disegnare in premura
una geografia soddisfacente
e lontana da ogni guerra

Tenuto alla distanza giusta
il fuoco a imitar un atleta che chiude
la carriera partecipava al gioco
con distacco e di tanto in tanto
una fiammella confermava la presenza
del calore più intento ad allearsi
all'atmosfera serena e non alla cottura

Vorticava nel silenzio la melodia di una fanciulla
e nell'aria le delizie del suo cuore
accarezzavano le orecchie del gatto
che si trovava a metà tra il paradiso dei profumi
e il nettare dell'anima che si scioglieva in voce

Soave dormiva il bimbo nella culla
con la bocca aggiustava le mascelle rosa
rapite dai sogni dietro le scie di un seno

Da cornice che racchiude occhi di pace
le finestre facevano vedere i coriandoli di neve
che lenta scendeva a volersi scusare
dei passi nel disagio di forme di vite
attanagliate dalla fame
incantate dalla pace
assorbite dal silenzio
------------------------------------------------
Da:Soste Precarie
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: LA FAINA   Gio Giu 24, 2010 4:27 am

Due carboni nella notte
accesi dall'istinto
su esile snodato collo

Aria affettata da presagi
respiri tumulati nelle gole
piume antenne di sangue
atterrito in vene indurite

Pregusta mattanze la morte
spruzza profumo di sacrificio
e cuori in supplica al dolore

Pelliccia al balzo
teste falciate
fotografano corpi rantolanti
al pollaio

Champagne rosso
alla faina,
sangue nuovo servo
da mite a feroce
chiederà in nuova indole
altre vite
alle sue origini
-------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com


Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: 57 EURO   Lun Giu 21, 2010 6:49 am

Telefonai al direttore del night
gli dissi ho merce nuova
è bionda e non le manca nessun dente
ha il cuore giusto
negli occhi ha il mondo visto di passaggio
e l'anima non le si è mai fermata
renderà prestigio al tuo nome da mercante

La vendetti per cinquantasette euro
e una stretta di mano

Disse ti mando Caronte
ed ebbi appena il tempo
di ultimare uno sbadiglio
e l'uomo che a occhio e croce
conosceva i giri del destino
andò incontro alla donna

Mi disse non pentirti
il prezzo è buono
non toccarti la coscienza
le puttane sanno fare
solo questo mestiere
a ogni albero il suo frutto
una quercia non può portar ciliegie

Mi sentii sollevato
voltai gli occhi al cielo e sussurrai
oh! nebbia di Dio
mischia bene le carte
per un altra partita

Il fruscìo dei soldi
chiuse la storia
------------------------------------------------
Da:Parole Fredde
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: DOPPIAGGI   Lun Giu 21, 2010 5:21 am

Carnevale serio
vocabolario a pezzi
vocaboli coriandoli
lanciati in aria,
sorteggiati ,copiati,
leggerli a specchio
compiuto senso
reato ma poesia
-Suoni roboanti
deflagranti,
metafore lineari
fucilate,
evocativi spari
e non senso vorticanti
a riempire crani
clonati eco d'ascelle
-Oscar combriccolari
a suoni e figure di falsari,
purosangue Arabo
doppiati raglio
nitriti, somari
-Differenza
tra mela e fragola
colore simile,
tuttuno scarpe e zoccoli
in orme tracce
di cultura
-----------------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: QUADRO   Sab Giu 19, 2010 5:01 am

Ciglia,ali di farfalla estasiata al primo sole
Occhi, spigoli di diamanti sotto mille luci
Naso, accento furbizia su stupore ingenuo
Labbra,bocciolo solleticato da libellula
Pelle, riflessi di luna su lago quiete
Mimica,vibrazioni di ribelle piuma al vento
Movenze,sciabordio di mare estivo
Voce,note d’usignolo felice a richiamo di prole
Capelli,fili di segrete bramosie impazzite
Vestito,mosaico di primavera selvaggia

Quadro di donna appeso nelle gole di mercanti,
Io commisi l’errore d’inchiodarlo nell’anima
che rubò la figura,unificò le stagioni al cuore
e fu sempre gelido inverno nell'unica pagina
marmorea di calendario agli anni
-------------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: NOTTE ESTIVA   Gio Giu 17, 2010 6:42 am

Notte d’estate come tante,la mia
anni appesi al lampadario
sotto il portico
osservatorio auspicante
a piogge purificatrici

Profumo di cero Indiano
allucinogeno a zanzare profughe
rifornite di sangue stanco

Voci strozzate d’esseri indefiniti
srotolate al domani incerto
tra alberi assopiti che puzzano di tavole
mendici a brezze a ravvivarli

Lessa sogni a fronte corrugata
la calura e sprona mani incerte
ad argininare argenteo olio di nostalgie

Da qualche rudere canta un civetta
media tra il regno del non senso
e quello d’intrusi a cottimo
che masticano rinvii vidimati

Cade una stella sovraccarica
di speranze impacchettate,
gli occhi tentano d’afferrarla
e schiacciati cadono nel sonno
----------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: GLI OCCHIALI   Gio Giu 17, 2010 3:18 am

A vent'anni
incominciò a vedere la realtà offuscata

Davanti al medico che gli ordinò un paio di occhiali
rimase sgomento

Quei vetri spessi sugli occhi
gli rivelarono una freddezza del mondo
e quando se li toglieva
la nebbia di un sogno che mai partiva

Il responso popolare
fu l'esagerata masturbazione
che aveva consumato le vitamine migliori
indispensabili alla manutenzione
di quelle finestre sul mondo
aperto verso un punto fisso....le donne
poco cercate e incluse soltanto nell'immaginazione

Due manette ai polsi gli esperti gli consigliarono
ma il fisico costretto ad alcune immobilità
dopo alcune mattine ne risentì

Scartando altri consiglieri prodigati
al suo problema trovò semplice la genialità
di cercare una donna vera
che lo aiutasse a gestire con razionalità gli impulsi

Con l'impegno e la determinazione nell'intento
a breve tempo riuscì

Allenato coi sogni e la fantasia
deludenti furono le prestazioni
almeno così lui pensò
non avendo esperienze si affidò ai paragoni
di racconti gonfiati

La storia finì male
il racconto è la sintesi di una foto sul giornale
con due mani staccate con due manette ai polsi
e poco lontano due occhiali
sui binari, brandelli il resto del corpo

Io come sempre passai per caso e sussurrai
..è morto perchè aveva una tenda
di cialtroni nell'anima
-------------------------------------------------------------------
Da:Soste Precarie
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: SILENZI   Gio Giu 17, 2010 1:13 am

Silenzi
si tendono la mano
abbracciano il mondo
che m'esculde

Automa
cerco di calmare il cuore
ferito disilluso
frusta respiri
rintanati al petto
mentre la tua vanità
dirige il traffico
del dolore deriso

Silnzi
mille serrature
a prigione d'anima
e un sorriso serio
unico grimaldello
a liberarla

Silenzi
fontane di pace
e a volte lapidi
su pensieri suicidi
rifiutati da parole
-----------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: GLI ALBERGHI DEL LUNGO SONNO   Mer Giu 16, 2010 3:23 am

E' bello passeggiare
d'autunno
in certi cimiteri
che sembrano immensi alberghi
con tanti letti all'aperto
con coperte di erba
di foglie
di marmo

Fanno tenerezza
i cipressi
con quel tentativo
di offrirsi imponenti
come scala verso il cielo

Il sonno eterno
è di pace
e non irrompe il suono
di nessuna svaglia

I morti hanno lasciato
i loro orologi ai vivi
a loro non fanno più effetto
le lancette del tempo

Poi è bello ascoltare
le loro voci
fatte solo di scritte
e silenzi da interpretare

Si fa sera
si accappona la pelle
si sentono grosse mani gelide
sulle spalle
e il rumore forte dei respiri

Si torna a casa a pensare
i morti innocui fanno paura
e noi continuiamo a sentirci
più sicuri tra i coltelli
dei vivi
-------------------------------------
Da:Parole fredde
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: LUOGHI E DESTINI   Lun Giu 14, 2010 2:59 am

Affezionato, il maiale
Scambiava ogni giorno
plano di mano su schiena,carezza,
ignaro misura di carni a coltelli

L’asino coinquilino pensò
col mio amico bue
fummo balie a Gesù
ora ricompensati da adepti
possiamo fermare
col lavoro la morte
ma in India lui è rispettato Sovrano

Intuì presagi e cupi pensieri
Il cane,
con la coda disegnò nella polvere
un globo terrestre
pisciò sulla Cina
disse al suddetto suino
di fuggire in Arabia Saudita
--------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: IL CATRAMISTA   Dom Giu 13, 2010 3:52 am

Truccato
apprendista diavolo
sulla terra
in agosto
dipinge
con vomito nero
bollente
saette
per inseguire
il progresso
a cinquanta gradi d'asfalto
perde la coda
passaporto
per gerarchie
d'inferi
-Torna a casa la sera
e sulla spalla
s'è bruciato il trespolo
dell'angelo custode
ma la moglie accetta
il dono del pane
e sazia speranza
...di volo...
nè in cielo
nè in terra
a certi uomini
il sogno,nel limbo
----------------
Da:Voci scomode
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: TUAREG   Sab Giu 12, 2010 3:43 am

Sabbia nel deserto
granelli di conta
confusi al misticismo
di vite liberate da cavalli
e anime torchiate
in inchini di preghiere
alate da gesti
di mani congiunte
innalzate al cielo
nel tramonto del sole
che allenta il calore
e raduna bisbiglii
per abbeverare il silenzio

Oasi che incantano dune
malleabili
si sciolgono al plagio
annullano riferimenti
e distanze per Tuareg
con braccia a taglio di fronte
come arcobaleni precari
a simboleggiare
la vicinanaza lontana
di Dio

Chiude il vento
orme di zoccoli
nessuna traccia
rimane nel sogno infinito
dove gli uomini sono
solo fantasmi divini
e si illudono consapevoli
di scrivere il tempo
solo con figli e echi di voci
sul calendario ..di sabbia
-----------------------
Da:Soste precarie
www.santhers.com
__________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: DAL GIARDINO   Ven Giu 11, 2010 4:07 am

Saltella sul ramo un pettirosso
con coda a molla
dirige canti circostanti
interrotti da rombi bulli

Sopraggiunge un merlo
e dal becco si contorce un verme,
più in là carnei triangoli
sbocciano da pugno ceppeo
tremuli in mira a fogliame cielo
attendono scelta a giro
di saggia madre,perpetuo dono

Come ricciolo ribelle d’angelo
tagliato a sfizio da Supremo Padre
e rimesso in vita a divertire
intrigare a terra,uno scricciolo
ballerino in gioco a sipari foglie
e di tanto in tanto pizzico di violino
il canto a burla d’orecchi tesi
a carpire mai precisa deliziosa fonte
ma l’anima mia finalmente ristora.
---------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: QUESTO PAESE   Ven Giu 11, 2010 3:07 am

Questo paese
smemorato
senza più coscienza
ha seppellito ogni indignazione
alle stolture
assorbite normalità assoluta
-Unica protesta seria
l'abbaiare di cagne
per figli bastardi omessi dalla conta
di padroni
-Nei sognatoi globalizzati
poeti si scambiano bende agli occhi
e copulano con fantasia
innescata da autoreferenze
-Spetterà alla storia fantasma
estrapolare da decenni di decadenza
qualcuno che si sia accorto
d'anime piatte pilotate da scempi
e la poesia vera sfuggita all'opulenza
la si dovrà cercare
in qualche fotogramma inceppato
pietrificato in occhi di remoti morti
in qualche parola abortita
dai pochi ribelli a cui il potere
affettò la lingua
-Srotolati ricordi di quest'epoca
un buco nell'acqua
del fiume della vita
---------------------------------------
Da:Voci Dall'inferno
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: LE MORTI BIANCHE   Gio Giu 10, 2010 2:42 am

L’operaio capì che l’inferno
è sulla terra
e il paradiso sono quelle ali
che ti fanno volare
sopra le miserie

Dall’ultimo piano
il decimo piano
fece per toccare una nuvola
con un dito
e precipitò nel vuoto

Le chiamano morti bianche
come avvenissero senza sangue

Sono morti inopportune
che spesso avvengono
quando l’informazione
è già impegnata in altri eventi

Sono cadaveri con vite banali
sono numeri decimali
che non incidono sul bilancio

Sono cani che hanno abbaiato
nel qualunquismo per mestiere
sono un nome nell’anagrafe
che si scrive e si cancella
come un’impronta nel deserto
in pieno vento

Sono i ricordi sbiaditi
del giorno dopo
-----------------------------
Da:Parole fredde
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: MANICOMIO   Mer Giu 09, 2010 1:37 am

Ho detto cose eccentriche
ma sempre più o meno
riscontrabili
e tutti mi hanno deriso
preso per pazzo

Un uomo vestito di nero
al mio paese, tutti i giorni
parla del regno dei cieli
che nessuno ha mai visto
e tutti in silenzio
riverenti gli credono

Ho imparato a mie spese
che è meglio dire bugie
talmente grosse
non riscontrabili
e non verità che vanno
un po’ fuori dagli schemi

Mi hanno messo in manicomio
solo per aver chiesto con insistenza
per appagare una curiosità
…quanto costava un monolocale
sospeso nel regno dei cieli

Sapete mi è venuto spontaneo
avendo io vissuto
in un buio seminterrato
dove oltre a non vedere il mare
che ci può stare
ma caspita….il cielo
bha…mi è costata cara
solo domandare di esso
----------------------------
Da:Voci scomode
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
michael@santhers




MessaggioTitolo: PICCOLE ALI   Lun Giu 07, 2010 1:38 am

Piccola vita che crescevi dentro di me
poi d'un tratto pezzo di ingombro
che alimentavi le mie paure

Corda legata ad un cielo
opprimente,abbassato
che mi impediva quel salto nel vuoto
per farla finita

Un prezzo alto di un piacere breve
figlio intruso
mi sbarazzai di te e ti lasciai dai falchi
che mi imbrogliarono
facendo finta di cullare la tua piccola morte

Ora mi servi piccolo fiore
a cui mancava l'ultimo sole per sbocciare
e io ti lasciai in un luogo senza tempo

Non posso piangere sul tuo cimitero
che ho dentro di me e non vedrò mai
però sento le voci del tuo piccolo scheletro
vedo i fantasmi del tuo piccolo volto
fermato a metà

Anima mia lo so che non merito pace
ma vorrei che il mio dolore ti giungesse lo stesso

In un luogo da designare costruirò la tua piccola casa
per tenerti a riparo dai peccati del mondo
mi trascinerò fino allo stremo per venirti a trovare
portarti i tuoi giochi rubati

Piccole ali non so se avete potuto volare
verso un cielo lontano
o siete cadute nel posto più brutto
e per questo dubbio che non mi basta il dolore
non c'è pena che io possa scontare
non c'è volto che costruisco
che possa chiarire
come potresti essere adesso
----------------------------------------------------
Da:Normalità Incondivisibili Tra Maschere Clonate
www.santhers.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: IN VIAGGIO   

Tornare in alto Andare in basso
 
IN VIAGGIO
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 33 di 34Vai alla pagina : Precedente  1 ... 18 ... 32, 33, 34  Seguente
 Argomenti simili
-
» Viaggio post laurea
» Viaggio all'Inferno
» Tokyo Disneyland - Disney Sea : Consigli di viaggio
» MOSTRA A TAORMINA; "Viaggio a Taormina" 4-30 Agosto 2012 Fondazione Mazzullo. Anteprima di alcune opere del maestro..
» Il Viaggio Fantastico (a cura di F.M. Spampinato)

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Il peso dell'anima :: Poesia e Letteratura :: Le vostre poesie-
Andare verso: