BENVENUTO sul Forum!
Effettua la registrazione per condividere le tue riflessioni con gli altri utenti.
(Ti ricordo di cliccare sul link di conferma che ti arriverà nella mail di avvenuta registrazione).
Ti aspetto!
 
IndiceFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 IL TRADIMENTO: LUI, LEI E L'ALTRO

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 

Tradire o no?
Sono per la coppia aperta
0%
 0% [ 0 ]
Non lo accetto
0%
 0% [ 0 ]
Basta non sapere o non farsi scoprire
0%
 0% [ 0 ]
Può succedere a tutti
100%
 100% [ 1 ]
Sono più le volte che ho tradito rispetto a quelle in cui sono stato fedele
0%
 0% [ 0 ]
Non ho mai tradito, nè credo di essere stato vittima di tradimento
0%
 0% [ 0 ]
Totale dei voti : 1
 

AutoreMessaggio
Admin
Admin
avatar


MessaggioTitolo: IL TRADIMENTO: LUI, LEI E L'ALTRO   Mar Giu 08, 2010 11:05 pm

Una volta il tradimento non era un atto privato, che nasceva e finiva all’interno della coppia: se era la donna a tradire, si parlava addirittura di crimine. Fino a meno di cinquanta anni fa, in Italia, un tradimento femminile poteva rendere legittimo il delitto d’onore, ovvero consentire al marito di poter ‘lavare nel sangue’ il torto subito, attraverso l’uccisione della moglie e/o dell’amante di lei.
Diversa invece era la posizione dell’uomo che, da sempre, usufruiva della possibilità di una doppia morale sociale e familiare, per cui non era importante essere fedele, ma ‘sembrarlo’. Se poi si veniva a sapere che tradiva la moglie con una o più amanti, o con prostitute, la cosa non faceva che accrescere la sua reputazione di ‘maschio’.
Poi si è diffuso sempre di più il matrimonio d’amore e si è sentita l’esigenza di un rapporto esclusivo fra i due partners, desiderosi di trovare nell’altro, in virtù del sentimento d’amore condiviso, tutto quello che poteva essere necessario alla coppia: affetto, sessualità, compagnia, svago, responsabilità familiari ecc.
Tuttavia,ancora oggi il tradimento è parte integrante della nostra vita, o perchè lo subiamo, o perchè lo mettiamo in atto, o magari perchè un amico o un nostro parente si trova a vivere l'esperienza del tradimento.
Ora mi chiedo: chi è più 'normale? la persona che tradisce o pensa al tradimento, o quella che non ha mai avuto nessun desiderio al di fuori della coppia? Dove comincia l'infedeltà? Nel momento in cui si passa all'azione o nel momento in cui si desidera un'altra persona? Si può dire di essere "fedeli" quando si sta tutta la vita con un partner desiderando contemporaneamente di fare l'amore con un altro?
E voi, cosa ne pensate?Scrivetemi la vostra opinione e, ancora una volta, divertitevi a rispondere al sondaggio.

_________________
Siamo liberi solo nei sogni...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.wix.com/ilpesodellanima/blog
 
IL TRADIMENTO: LUI, LEI E L'ALTRO
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» S#1 Memorie di un altro tempo - luglio 2003
» Damiano e Cecilia a Avanti un altro
» IL MONDO? L'INFERNO DI UN ALTRO PIANETA...
» L'Eredità contro Avanti un altro.
» Psicologia del Tradimento

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Il peso dell'anima :: Sondaggi-
Andare verso: