BENVENUTO sul Forum!
Effettua la registrazione per condividere le tue riflessioni con gli altri utenti.
(Ti ricordo di cliccare sul link di conferma che ti arriverà nella mail di avvenuta registrazione).
Ti aspetto!
 
IndiceFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 A SCUOLA DI EMOZIONI

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
avatar


120510
MessaggioA SCUOLA DI EMOZIONI

12 Maggio
Sta per essere pubblicato il terzo numero del giornalino “PARLO” che concluderà anche quest’anno scolastico e anche stavolta la redazione mi ha chiesto di scrivere una mia riflessione riguardo all’'argomento
“LE AFFETTIVITA’”. Ecco cosa ne è venuto fuori.


Nella nostra vita utilizziamo spesso la parola "amore" in circostanze e modi diversi ed indirizzata a persone diverse: dalla propria madre, ai figli, agli amici Tutti rapporti differenti nei quali nutriamo un forte sentimento di trasporto per ognuna di queste figure a noi care.
Il percorso di strutturazione di questi affetti inizia dalla nascita e si conclude con la maturità. Inizialmente essi sono orientati verso figure familiari, come la madre, il padre, i fratelli. Crescendo si diventa in grado di orientare se stessi verso altre figure esterne, su cui si esercita con crescente autonomia i propri sentimenti.
Personalmente ritengo che la scuola abbia un ruolo fondamentale nella guida di questo processo costruttivo dei ragazzi e nella loro formazione emotiva e caratteriale.
Per molto tempo, e forse ancora adesso, si è pensato che i bambini ed i ragazzi andassero a scuola solo con la testa e con il solo scopo di apprendere delle nozioni.
Spesso si considera l'alunno come un essere puramente razionale, bisognoso di mere conoscenze matematiche, storiche, linguistiche e di nuove strategie o tecniche per imparare a ragionare meccanicamente. Ma, a volte, e nella scuola soprattutto, non si deve commettere l'errore di separare la razionalità dall'emozionalità. Gli adolescenti, in particolare, attraversano una fase di riorganizzazione e di mutamento non solo fisica, ma anche psicologica ed emozionale.
Per questo motivo è necessario l'aiuto e il supporto di persone mature che li aiutino ad attraversare questo turbinio di sensazioni, anche contrastanti tra loro, nel modo più sereno possibile.
I ragazzi hanno bisogno di capirsi per amare se stessi, solo in questo modo potranno imparare ad amare gli altri. E' opportuno, dunque, che gli insegnanti comincino ad educare all'affettività e che comprendano di non dover lavorare con dei computer ma con corpi che hanno testa e cuore.
Stefano Leone - BLOG

_________________
Siamo liberi solo nei sogni...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.wix.com/ilpesodellanima/blog

 Argomenti simili

-
» 3° "Sfida Scuola di Modellismo" - Il Presepe - Lista partecipanti
» Musica e psiche: melodia ed emozioni
» Diario di scuola
» Nave scuola Ebe
» Gelosia in bilico tra emozioni e sentimenti
Condividi questo articolo su: Excite BookmarksDiggRedditDel.icio.usGoogleLiveSlashdotNetscapeTechnoratiStumbleUponNewsvineFurlYahooSmarking

A SCUOLA DI EMOZIONI :: Commenti

Nessun Commento.
 

A SCUOLA DI EMOZIONI

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 

Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Il peso dell'anima :: Il Blog :: Il peso dell'anima-
Andare verso: